L'identificazione e la sicurezza informatica in generale, con i programmi di fidelizzazione sono i nostri prodotti base: smartcard, biometria, firma digitale. La protezione del software ci vede leader in Italia da 30 anni.

Firma digitale: come funziona

La firma digitale

Il sistema che gestisce la firma digitale vede impegnati 3 attori:

  • Il certificatore che rilascia il certificato di firma su un supporto sicuro quale la smartcard.
  • Il firmatario che appone la sua firma digitale al documento
  • Il destinatario del documento che cerifica la validità della firma.

Il certificatore è un ente riconosciuto dallo Stato; l’ Agenzia per l’Italia Digitale elenca i certificatori accreditati. (Partner Data rilascia certificati emessi da Actalis spa e Aruba Posta Elettronica Certificata S.p.A.).

Il cerificatore, anche tramite le Registration Authority (Partner Data nel nostro caso) identifica con certezza il soggetto prima di rilasciargli un certificato; inoltre gestisce le informazioni relative al certificato ed alla sua validità, rendendole di pubblico dominio.

Il certificato, che identifica il suo titolare, risiede nella smartcard insieme a 2 chiavi di cifratura, dette chiave pubblica e chiave privata, quest’ultima segreta a tutti, anche al suo possessore che la usa ma non la conosce; grazie a questa coppia di chiavi il processo di firma, che si avvale di un algoritmo di cifratura detto a chiavi asimmetriche, garantisce l’integrità del documento firmato e la sua paternità.

Il firmatario, tramite la smartcard in suo possesso e di cui conosce il PIN di accesso, utilizza per la firma un apposito programma (ad es. DigitalSign) che provvede automaticamente alle necessarie operazioni creando il documento firmato.

 

 

 

 

 

Il destinatario del documento firmato, tramite un apposito programma generalmente rilasciato gratuitamente (ad es. DigitalReader), oltre a leggere il contenuto del documento verifica l’integrità del documento stesso e la validità del certificato, che cioè non sia scaduto o revocato; a ciò provvede automaticamente il programma che si connette al data base del certificatore e verifica la validità del certificato in quel momento.

 

 

 

 

E’ anche possibile dare validità temporale ai documenti aggiungendo alla firma digitale una marca temporale, sempre rilasciata dal certificatore, che garantisce così la data della avvenuta firma.

 

 

 

 

Cliccate qui per :
Leggere ulteriori informazioni tecniche e normative sulla firma digitale e la posta certificata Richiederci il vostro certificato digitale Acquistare il lettore di smartcard ASEDriveIIIe,certificato da Infocamere e Regione Lombardia Scaricare la Guida alla firma digitale